19 Maggio 2012, Asteroide KK37 in direzione Terra: video

800px-243_ida

In questi giorni la NASA ha reso pubblici i rapporti rilasciati dal centro Wise, Wide-Field Infrared Survey Explorer, centro di strumentazione che monitora i pianeti e i corpi astrali in un raggio di azione che sfiora i 10 km di distanza dalla Terra. Orbene, i risultati parlano dell’avvistamento di 4.700 asteroidi potenzialmente pericolosi per il nostro Pianeta, che sono in avvicinamento da qui a 20 anni. Di questi 4.700 asteroidi, 1.500 hanno un diametro superiore ai 100 metri, e circa un migliaio sono stati “inquadrati” in una traiettoria ben definita. Lindley Johnson, direttore di un importante programma di osservazione dello spazio della NASA, ha affermato che “siamo sulla buona strada nel trovare quegli oggetti che potrebbero davvero scontrarsi con la Terra”. E continua: “Una buona percentuale degli asteroidi sono in bassa inclinazione, ovvero quasi allineati con il piano dell’orbita terrestre”.

L’impatto con la Terra, quasi certo per uno di questi asteroidi da qui ai prossimi 20 anni, non dovrebbe essere catastrofico, e anzi potrebbe “aiutarci a capire le loro origini e il loro destino”, risultando così utili alla ricerca scientifica. Per controllare questi oggetti, la NASA ha lanciato nello spazio diversi satelliti che coprono un raggio ottico molto grande, nelle orbite della Terra, e si è stupita “della tale sovrabbondanza di meteoriti allineati con l’orbita terrestre.

Uno di questi ha preso appuntamento con il nostro Pianeta nella giornata di domani sabato 19 maggio 2012: si chiama 2010 KK37, ha le dimensioni di circa 50 metri e potrebbe passare nei pressi della Terra ad una distanza simile a quella che ci separa dalla Luna. Non allarmatevi però, perché l’impatto e improbabile, più sicuro è lo spettacolo che una visita astrale del genere potrebbe regalare a chi è in possesso di un telescopio. Di seguito trovate un paio di video che illustrano la traiettoria dell’asteroide in avvicinamento sulla Terra. Se siete tra quelli che vorrebbero centrare l’obiettivo con il telescopio, vi suggeriamo di rivolgervi a degli esperti, perché la visione durerà pochi secondi e dall’Italia occorrono precise coordinate sia temporali che spaziali.

httpv://www.youtube.com/watch?v=wAEfPAD6e1I

httpv://www.youtube.com/watch?v=XhZxHfNOtbU